EDITORIALE

Legittima difesa o Illegittimamente (In)difesi? E' un bluff del Sistema

Editoriale maggio 2017 Segretario Generale Nazionale

Giochi di parole, giochi di partito, di maggioranza e d’opposizione…questo il Legislatore d’oggi degli Italiani. Eletto, scelto, legittimo o fors’anche incostituzionale! Eppure è un Parlamento in cui politici di razza o occasionali decidono le sorti degli Italiani…di quegli Uomini che cercano un po’ di riparo dalle nefandezze d’una Società ormai mangiatoia e spietata.

Alla ribalta qualche giorno fa esce il Disegno di Legge sulla Legittima Difesa, presentato dall’opposizione ed emendato da (il)legittimi proprietari della maggioranza parlamentare. Si leggono ovunque parole tipo tempo di notte, violenza su persone o cose, minaccia o inganno, grave turbamento psichico, integrità fisica, libertà personale o sessuale.

Voto Camera Deputati 4 maggio 2017 -
Il Sole 24 Ore Web - Immagine di repertorio

Spunta poi quell’ovvero che vuol dire tutto e vuol dire niente…ma che in realtà permette di mischiare le carte in vista del voto in Senato. Beh, diciamola tutta, per noi la difesa è sempre legittima purché sia proporzionata! Non possiamo limitare la difesa ad una sparatoria cercando poi attenuanti ed aggravanti; né possiamo limitarla ad una circostanza di tempo o di luogo. Chi subisce un’aggressione deve sempre avere attenuanti (ciò non significhi esimenti) e chi aggredisce deve sempre rispondere di aggravanti; continuiamo a difendere Caino ed affondare Abele solo perché questo è buono? O vogliamo regalare ad Abele una pistola per farsi giustizia da solo? Diciamo che la Verità è nel mezzo, non possiamo sottacere le Responsabilità d'uno Stato che vuole delegare ai cittadini pure la Sicurezza! Siamo esausti di vedere terroristi, mafiosi e delinquenti comuni e pericolosi impuniti ed impunibili e la povera gente e i poliziotti crocifissi per pura e legittima difesa; gli Italiani non ce la fanno più e noi insieme a loro rivendichiamo il DIRITTO DI ESSERE DIFESI dallo Stato! Da tempo lo urliamo, non si tratta di un partito dell'anti-polizia ma della Maggioranza dell'Insicurezza ed ora anche della Minoranza dell'Incertezza…e gli italiani invece hanno bisogno di Sicurezza e Certezza! La difesa spetta allo Stato e non può essere delegata ai cittadini; questi problemi si risolvono solo in un modo, con la certezza della pena e con il potenziamento delle Forze di Polizia.

La Legge è uguale per tutti
Salvis Juribus - Immagine di repertorio

Ma evidentemente questa Sicurezza 2.0, alias Sicurezza degli Impunibili, è la nuova moda del bluff del sistema. Perché? Sentenza Corte Costituzionale 35/2017…è proprio il Sistema a giocarci il bluff perché, nonostante la Consulta avesse ritenuto incostituzionali alcuni passaggi della Legge Elettorale, nulla è cambiato. Secondo la Corte, a dirla tutta, vi è stata una “sproporzionata divaricazione tra la composizione di una delle due Assemblee che rappresentano il popolo e la volontà dei cittadini espressa attraverso il voto che costituisce lo strumento della Sovranità Nazionale”. Come non avvertire una compressione della Democrazia? Vien da pensare quasi che siamo Illegittimamente (IN)difesi

Gli errori gravi perpetrati dalla maggioranza dell’Insicurezza puntano a ridurre le responsabilità statali nella questione della tutela del popolo. È meglio far armare tutti i cittadini? La Polizia, questa sconosciuta… È lei la soluzione! l’avevamo anticipato l’8 novembre in Senato quando la maggioranza dell’Insicurezza, dopo aver urlato ai quattro venti di essere dalla parte della Polizia, al momento della mozione 1-00678 al Patto di Stabilità scambiava il proprio sguardo con l’allora Ministro dell’Interno Angelino Alfano e rispondeva, senza nemmeno dubitare, con un secco NO! Ma noi l’avevamo annunciato subito che il famoso poker d’assi sarebbe stato l’ennesimo bluff!!! Cosa chiedevamo con quella mozione? Aumento delle indennità accessorie per i poliziotti che lavorano e rischiano la vita in strada, adeguamento dei mezzi delle strutture e degli armamenti al livello degli standards europei e la tutela legale e sanitaria per le Forze di Polizia. Urlammo immediatamente che ‘il nocumento più grave e pericoloso è per il Bene Comune ad evidente rischio default per impossibilità delle nostre Forze di Polizia di difendere anzitutto se stessi’; queste le nostre parole di ben 6 mesi fa. Nulla è cambiato ed anzi oggi ci avviciniamo a relegare i poliziotti a dipendenti della Pubblica Amministrazione…è come chiedere ad un impiegato di affrontare un terrorista o un ladro in un appartamento. Avevamo ragione noi o no? Si, l’avevamo anticipato! Quel che dispiace è che quasi tutte le Organizzazioni Sindacali del Comparto Sicurezza avevano cantato vittoria; possibile che nessuna si sia accorta del bluff? Chi difende e tutela i poliziotti? Ma soprattutto, come avevamo preannunciato noi, chi difenderà più gli italiani?

Il Legislatore sembra essere scardinato dalla realtà, non esiste percezione del sociale da parte dei politici ma neanche da parte degli altri Sindacati! Perché non hanno sposato le nostre proposte? Perché non scendono in piazza? A che gioco giochiamo? Accordi, promesse, bugie, bluff…sembra un romanzo scandalistico ed invece è la pura e cruda realtà. Un Paese che vive di illegalità, in cui si premia chi dice menzogne deridendo la Verità, il Paese della soppressione del merito. Ma questo veramente vogliamo? Nessuno è più responsabile, le Istituzioni stesse ammettono le varie illegalità di questo Paese. Vogliamo parlare delle ONG o del mondo ultras che ricatta presidenti e calciatori? O forse ancora di quei Sindaci che preferiscono i centri sociali violenti al mantenimento dell’Ordine Pubblico, o vogliamo parlare di quei bravi ragazzi che vestono due manichini da poliziotti investendoli con un furgone nella manifestazione per la liberalizzazione delle droghe? O dell’ormai famoso Igor che dimostra tutte le falle del nostro sistema di Sicurezza o ancora dell’autore della strage di Roma delle tre nomadi uccise con una molotov? Bene, anzi male! Oggi continuiamo a parlare di legittima difesa quando in Italia si è perso il senso dell’Etica, dell’autentico, del Legittimo…qui non è illegittima solo la difesa, qui è illegittimo tutto! Chi sta lavorando su questa Legge vuole semplicemente scaricare le proprie responsabilità di Istituzione sul cittadino, lasciando però al cittadino le briciole mentre loro responsabili irresponsabili intascano centinaia di migliaia di euro per non prendersi responsabilità! Ma prima di emanare nuove leggi “tanto per” dovrebbero meditare sulle parole dell’art. 54 della Costituzione “I cittadini cui sono affidate funzioni pubbliche hanno il dovere di adempierle con disciplina ed onore, prestando giuramento nei casi stabiliti dalla legge”. Possiamo costruire le case più belle con gli ornamenti più belli ma sulla sabbia prima o poi crolleranno.

“…quando il cittadino accetta che, di dovunque venga, chiunque gli capiti in casa possa acquistarvi gli stessi diritti di chi l’ha costruita e ci è nato; quando i capi tollerano questo per guadagnare voti e consensi in nome di una libertà che divora e corrompe ogni regola ed ordine, c’è da meravigliarsi che l’arbitrio si estenda a tutto e che dappertutto nasca l’anarchia e penetri nelle dimore private e perfino nelle stalle?...”

-cit. Platone da La Repubblica cap. VIII-

 

                                                                                                                       Segretario Generale Nazionale I.C.

                                                                                                                                     Andrea Cecchini